Informativa per invio immagini

1. PROPOSTE E INVIO MATERIALE
2. NOMINAZIONE FILES
3. SPECIFICHE IMMAGINI
4. METADATI a // b // c

Questa informativa è stata scritta seguendo i metodi di archiviazione gestionale di Kairòs Magazine, rivista on line di fotografia e spettacolo, con una cura particolare all’ottimizzazione della fruizione web delle immagini e dei suoi autori.

 


1. PROPOSTE E INVIO MATERIALE

  • e-mail a: info@expowallgallery.com
  • nella mail di consegna specificare sempre le informazioni utili relative al materiale inviato (es: descrizione progetto, titoli immagini etc…)
  • inviare la cartella nominata correttamente e zippata via we transfer con le immagini pubblicate in formato JPG (non compresso, 300dpi, AdobeRGB 1998) in un’unica cartella per archiviazione

2. NOMINAZIONE FILES

Nominare ogni file inviato come segue: nome_opera_anno_nome_cognome_00n°.jpg  / es: milano_work_in_progress_2015_antonella_bozzin_001.jpg

Indicazioni per l’efficienza del file:

  1. non unire tutte le parole: [NO > milanoworkinprogress_2015_antonella_bozzin_001.jpg] [SI > milano_work_in_progress_2015_antonella_bozzin_001.jpg]
  2. non usare maiuscole (nei nomi file e nelle sigle di estensione file)
  3. omettere l’articolo iniziale del titolo es: Il convitato di pietra > convitato-di-pietra | L’italiana in algeri > italiana-in-algeri
  4. il titolo deve coincidere nella cartella e nel nome file
  5. mantenere il numero del file originale; se si cambia la numerazione applicarla a tutti files della sequenza: sarà più facile per voi ritrovare dei files nella sequenza se vi vengono richiesti
  6. mantenere sempre l’estensione .jpg (versione minuscola)
  7. prestare attenzione a trattino alto che separa le parole di uno stesso gruppo (nome-cognome, titolo-soggetto) e trattino basso che separa le diverse categorie (titolo_anno_numerazione)
  8. NB / NON USARE SIMBOLI, LETTERE ACCENTATE, CARATTERI NON ITALIANI (Π, π, #, ç, ñ, è, ecc.)
  9. NB / NON METTERE LA © DI COPYRIGHT NEL NOME FILE 

3. SPECIFICHE IMMAGINI

Quantità

  • inviare da un minimo di 15 ad un massimo di 30 immagini
  • in caso di progetti complessi e di durata notevolmente superiore alla norma il numero delle immagini da sottoporre verrà previamente concordato con il gallerista

Dimensione e profilo colore

  • dimensioni file: jpeg 20x30cm 300dpisalvato a qualità 8
  • profilo colore: srgb
  • mantenere sempre i dati di scatto della fotocamera (valori iso, tempi, diaframmi, ecc)

Formati e proporzioni

  • cercare di ottenere immagini sia orizzontali (utili per la slide di copertina del sito) sia verticali (utili per eventuali locandine e flyers o per pagine del sito con layout dedicato)
  • mantenere le proporzioni del file originale (2:3)
  • tagli particolari (ad esempio formato 9:16) verranno valutati singolarmente

Qualità

  • evitare di proporre immagini con evidenti problemi di rumore digitale
  • evitare ritagli eccessivi che compromettano la qualità dell’immagine (mai meno di un quarto dell’immagine originale) o che non permettano di ricavare eventuali copertine
  • evitare l’uso eccessivo di maschere di contrasto, chiarezza e filtri per la riduzione del rumore

Interventi di post-produzione base

  • Le immagini devono essere consegnate post-prodotte, è richiesta una particolare attenzione ai seguenti aspetti:
    • correzione del colore in caso di dominanti (escluso che si tratti di precise scelte autoriali)
    • controllo delle basse luci (non consegnare immagini sottoesposte)
    • controllo del contrasto (non consegnare immagini prive di alte luci, né eccessivamente contrastate)
    • eliminazione del rumore digitale (evitando però di perdere dettagli e texture)
    • eliminazione di evidenti elementi di disturbo (ad esempio sul fondo, ecc.)

Interventi di post-produzione personali

  • il servizio può essere presentato a colori o in bianco e nero, a seconda delle scelte espressive del fotografo
  • lo stesso vale per eventuali interventi cromatici e viraggi; il gallerista ha tuttavia facoltà di valutare l’opportunità delle scelte effettuate e confrontarsi in merito con l’autore del servizio
    

 

4. METADATI a // CAMPI DA RIEMPIRE IN BRIDGE E LIGHTROOM

Schermata 03-2457451 alle 17.35.24

Affinché le modifiche apportate in Lightroom siano riconosciute dalle altre applicazioni, i metadati devono essere scritti in XMP:

  • WINDOWS: Modifica > Impostazioni catalogo
  • MAC: Lightroom > Impostazioni catalogo
  • Selezionare: Scrivi automaticamente modifiche in XMP


 

4. METADATI b // CAMPO CONDIZIONI D’USO

  • Inserire il seguente testo:
    La proprietà delle immagini è del fotografo (Nome e Cognome). Nessun uso ulteriore è concesso senza esplicita autorizzazione di questi soggetti.

4. METADATI c // COME CREARE UN MODELLO PREDEFINITO DI METADATI

  • Si consiglia di preparare un modello di metadati predefinito con i campi invariabili da usare sempre e da applicare a tutte le immagini (dati del fotografo, copyright, condizioni e diritti) e un modello specifico per ogni progetto o serie-sequenza di foto inviate, in modo da semplificare la procedura di inserimento di volta in volta.
  1. BRIDGE > Strumenti > Crea modello di metadati > inserire i dati e salvare con nome
  2. LIGHTROOM > Metadati > Modifica predefiniti metadati > inserire i dati e salvare con nome
  3. INSERIMENTO:
    • 1. Strumenti > AGGIUNGI METADATI > inserire il predefinito coi dati personali e invariabili
    • 2. Strumenti > AGGIUNGI METADATI > inserire il predefinito del singolo spettacolo
      • i metadati vanno sempre aggiunti, se no si rischia di sostituire quelli già esistenti
      • non modificare mai il campo DATA DI CREAZIONE per evitare di perdere l’ordine cronologico degli scatti